Pastiglie per lavastoviglie: da cosa sono composte?

Pastiglie per lavastoviglie - da cosa sono composte?

Un alleato sconosciuto

L'uso della lavastoviglie è ormai un'abitudine radicata della nostra routine. Tuttavia, raramente ci interroghiamo sulla sua dinamica d'azione e su quella degli additivi necessari al corretto funzionamento della macchina, come le pastiglie per lavastoviglie. Eppure, senza queste tavolette "magiche", i piatti sporchi e incrostati resterebbero tali, anche dopo un ciclo di lavaggio intensivo.

Un concentrato di potenza

Sulle pastiglie per lavastoviglie, le nostre aspettative sono alte. Esigiamo un efficace potere pulente, capace di trattare macchie di diversa natura, e un'azione protettiva su vari tipi di materiali, dal vetro alla plastica. Le pastiglie per lavastoviglie hanno poi il compito di favorire il processo di addolcimento dell'acqua, allo scopo di rendere i nostri piatti perfettamente brillanti e preservarli dall'eventuale accumulo di calcare. Un aspetto altrettanto importante è legato alla sicurezza: queste tavolette non devono essere dannose per l'organismo, dal momento che sono in perenne contatto con le nostre stoviglie, le quali, a loro volta, contengono i cibi di cui quotidianamente ci nutriamo.

Tutta questione di scienza

Le pastiglie per lavastoviglie sono composte da strutturanti (per contrastare la durezza dell'acqua e migliorare la qualità di lavaggio), da agenti sbiancanti, da enzimi capaci di attaccare amido e proteine, e da tensioattivi, che favoriscono la solubilità dello sporco. Si contano, poi, ingredienti extra come i disgreganti, che permettono alla tavoletta di sciogliersi e di dissolvere rapidamente tutti i suoi principi attivi. Le formulazioni più innovative, come Finish Quantum MAX Brillantezza&Protezione, sono in grado di attivare i diversi comparti della pastiglia al momento opportuno, a seconda della fase del ciclo di lavaggio. Un altro fattore chiave, in grado di influenzare le performance delle pastiglie per lavastoviglie, consiste nella temperatura dell'acqua (che, tipicamente, si aggira fra i 55 °C e i 75 °C). Mentre il calore elevato è indicato per eliminare i residui grassi e oleosi, gli enzimi che aggrediscono amido e proteine funzionano a temperature molto più basse. Di conseguenza, è opportuno che questi enzimi vengano rilasciati durante la prima fase di lavaggio, ossia quando il calore interno alla macchina è ancora limitato.

Efficacia testata

Sappiamo bene che esistono diversi tipi di sporco e che alcuni sono più ostinati di altri. Si pensi, ad esempio, al latte bruciacchiato sul fondo di un pentolino, agli aloni dovuti alle sostanze coloranti contenute nel tè e nel caffè o alle incrostazioni da tuorlo d'uovo, che ha la prerogativa di aggrapparsi saldamente ai nostri piatti. È rassicurante sapere che le pastiglie per lavastoviglie sono appositamente sviluppate per trattare ogni tipologia di macchia, anche la più critica. Prima di essere messe in commercio, infatti, le pastiglie per lavastoviglie Finish devono superare una lunga serie di test che mirano a verificare la loro azione pulente, anche sulle superfici più grasse, la loro capacità di preservare la brillantezza dei diversi materiali e l'assenza di patine polverose sulle stoviglie, al termine del lavaggio. Solo se superano questi test a pieni voti, vengono considerate adatte allo scopo e approvate.

Ecco quindi svelata la composizione delle pastiglie per lavastoviglie che, come abbiamo visto, è tutt'altro che banale: dietro all'efficacia pulente vi sono diversi processi chimici, anche piuttosto complessi. Teniamo conto di questo aspetto, la prossima volta che la nostra lavastoviglie ci restituirà piatti dalla freschezza e dalla brillantezza straordinarie!

 

Scegli il tuo prodotto preferito:

1. Finish Tutto in 1 MAX Brillantezza&Protezione
2. Finish PowerGel Tutto In 1 MAX Brillantezza&Protezione
3. Finish Finish PowerGel Tutto In 1 MAX Forza e Purezza

Altri articoli che potrebbero interessarti:

1. Miglior detersivo per lavastoviglie e recipienti smaltati
2. Pastiglie per lavastoviglie e cucina impeccabile
3. Acqua Dura e Calcare